martedì 3 maggio 2011

Fusi di tacchino(sauro) alla birra (50 di 365)


Sono un paio di volte (per fortuna non consecutive) che Zolle mi sommerge di cosce, sovracosce e sottocosce di tacchinosauro (per le dimensioni, non per l’età del pennuto).
Belle grosse e polpose.

Lì per lì, quando mi sono arrivate, non avendo la più pallida idea di come cucinarle, le ho prontamente collocate in freezer. Più o meno dove il rumeno del parcheggio a ore mi ha piazzato la macchina, quella volta che non avevo specificato che sarei tornata dopo un’oretta. Fortuna che non mi ha fatto pagare il sovraprezzo per averlo costretto a giocare al tetris, per ridarmela.

Dicevo, i coscionisauri giacevano in freezer da qualche settimana e oggi m’è presa la fantasia di prepararli per cena o, a dirla tutta, l’intenzione era di decomprimere il congelatore.

Dopo una rapida, rapidissima ricerca su google “fusi di tacchino ricette”, che mi ha permesso di trovare l’ingrediente segreto, ho eseguito la ricetta rigorosamente a modo mio.

Per quanto non mi piaccia farlo, ho tirato fuori i fusi dal freezer e li ho lasciati ammorbidire a temperatura ambiente.

Dopo averli puliti da qualche piumetta rimasta attaccata, li ho messi in una ciotola con carote tagliate a rondelle e una cipolla, tagliata a tocchetti, qualche rametto di rosmarino, una manciata di timo, sale grosso, un filo d’olio e mezza bottiglia di birra chiara.

Ho lasciato marinare la carne per un paio d’ore.

Ho foderato il fondo di una teglia con la carta forno e vi ho trasferito la carne, le verdure e un po’ più della metà del liquido della marinatura.

Ho impostato il termostato del forno a 200°, e arrivato alla temperatura di 140° ho infornato, in modalità ventilato

Dopo un’oretta scarsa ho aggiunto le patate tagliate a tocchetti e ho lasciato cuocere un’ulteriore mezz’oretta. E infine una decina di minuti in modalità grill con lo sportello del forno semichiuso.

Una vera bontà...

10 commenti:

  1. Ora come minimo mi tocca provare al più presto!

    RispondiElimina
  2. Ma io te lo consiglio vivamente... l'alternativa è accettare un invito a cena per aiutarci a smaltire l'altra scorta di coscioni :)

    RispondiElimina
  3. Sembra possibile pure per me che sono un'incapace ..... per non sbagliare verremo a cena da te o lo prepari tu da me ....

    RispondiElimina
  4. E' veramente semplicissimo... ma se vuoi venire a cena sono anche più contenta :)

    RispondiElimina
  5. ah però, il brontosauro l'hai ubriacato eh?! sagace! .-)

    RispondiElimina
  6. luuuu!! completamente affogato nella birra... una roba incredibile!

    RispondiElimina
  7. E' una ricetta invitante, a mio marito picciono molto le cosce di tacchino, ma io non le amo particolaremnte perchè mi vengono asciutte, proverò di certo questa ricetta, che mi sembra ottima dalla foto .

    RispondiElimina
  8. Uffa lo voglio fare pure io!!
    Ma lo sai che quei puzzoni di zolle il tacchino me l'hanno promesso due volte e invece mi hanno mandato una volta vitellone e l'altra pollo?
    IO il tacchinosauro non lo riesco ad avere sigh....

    RispondiElimina
  9. Angela, provaci davvero!!! Non viene stoppaccioso per niente ed ha un sapore veramente appetitoso :)
    Silbiiii!! Sempre che non mi si presentino alla porta le 15 persone che ho invitato a cena ieri sera, ti cedo volentieri almeno una coppia di coscioni delle due attualmente presenti nel mio freezer :)

    RispondiElimina
  10. hahahaha, com'è di buon cuore lei! :)

    RispondiElimina

Se mi commenti, io sono contenta!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...